La Qualità

Agli inizi degli anni ’90 l’Unione Europea ha deciso di adottare una serie di norme giuridiche, al fine di tutelare la qualità dei prodotti tipici e dei prodotti biologici provenienti dai vari territori del continente, esaltandone le caratteristiche peculiari derivanti da un processo intimamente legato all’origine geografica e alle competenze tradizionali.

L’Unione Europea associa, quindi, una denominazione a dei determinati prodotti le cui caratteristiche possono essergli attribuite solo ed esclusivamente all’area geografica da cui provengono. La denominazione di un prodotto è una garanzia, per il consumatore, che ne certifica la provenienza originale e garantisce che il processo produttivo avvenga nelle modalità legate a una tipicità territoriale e seguendo le regole del disciplinare a lui legato.

Le denominazioni più importanti sono tre:

DOP

Denominazione d’Origine Protetta

Indica un prodotto originario di una regione e di un Paese con il quale ha un legame profondo. Le sue qualità e le sue caratteristiche, infatti, sono essenzialmente, o esclusivamente, dovute all’ambiente geografico (clima, terreno, tecnica produttiva tramandata nel tempo) in cui viene prodotto. Questo dà vita ad un prodotto esclusivo, che non può essere replicato in nessuna altra area geografica, che non sia quello circoscritto alla zona produttiva di origine. Il marchio DOP estende la tutela del prodotto a tutto il territorio europeo e con gli accordi internazionali dell’Organizzazione Mondiale del Commercio (o WTO), anche al resto del mondo. Tutti i prodotti DOP riportano un bollino giallo e rosso recante la scritta “Denominazione d’Origine Protetta”.

IGP

Indicazione Geografica Protetta

Come DOP, la sigla IGP è strettamente legata all’area geografica di origine. un prodotto a marchio IGP, però, si contraddistingue da uno DOP per il fatto che è sufficiente che una sola tra le fasi di produzione, trasformazione ed elaborazione avvenga nell’area geografica delimitata. Questo significa, ad esempio, che un prodotto preparato in un determinato territorio certificato può avere una materia prima con origini differenti. Il marchio IGP è identificato da un bollino giallo e blu recante la dicitura “Indicazione Geografica Protetta”.

STG

Specialità Tradizionale Garantita

Il marchio STG si distingue nettamente dagli altri due riconoscimenti europei (DOC e IGP). Rispetto a questi ultimi, infatti, garantisce unicamente la ricetta tipica o il metodo di produzione tradizionale (cioè esistente da almeno 30 anni) di un determinato prodotto.
Non esiste però un vincolo territoriale. Questo significa che un prodotto può essere preparato in qualsiasi Paese dell’Unione Europea, fermo restando che la sua produzione rispetti il relativo disciplinare e che sia certificata da un organismo preposto al controllo. Il marchio STG è identificato da un bollino giallo e blu recante la dicitura “Specialità Tradizionale Garantita”.